Conto Corrente per Protestati

Apertura Conto Corrente per Protestati

Se hai ottenuto una segnalazione al CRIF come protestato o cattivo pagatore perché sei venuto meno all’accordo di rimborso che avevi sottoscritto, pagando in ritardo le rate o non pagandole affatto, andrai incontro a diverse problematiche finanziarie. La sua storia creditizia si sporca e, per esempio, sarà difficile che in futuro gli venga concesso un altro prestito o che gli sia permesso di aprire un conto corrente qualora ne avesse bisogno.

In questo approfondimento, ci occupiamo proprio del secondo punto. E’ possibile aprire un conto corrente per protestati?

Chi è protestato può aprire un conto corrente?

L’apertura conto corrente a protestati non è vietata per legge, quindi sta alla banca decidere se offrire questo servizio o meno alla persona che ne sta facendo richiesta. Nella maggior parte dei casi, gli istituti di credito, che tendono sempre a tutelare loro stessi e i loro interessi, non daranno il via libera a questa operazione.

Ci possono essere, però, delle particolari situazioni in cui la richiesta di aprire un conto corrente online per protestati viene accolta ma senza che la banca rilasci i mezzi di pagamento ad esso collegati, come una carta di credito, il bancomat o il blocchetto degli assegni. In questo caso, dunque, il conto corrente potrà essere utilizzato solo per le più basiche operazioni di prelevamento e di versamento agli ATM.

Bisogna, inoltre, segnalare che quando vengono aperti conti correnti per protestati, questi avranno molto probabilmente dei costi di gestione più elevati rispetto a quelli imposti alle persone con un buon passato creditizio.

conto corrente per protestati

Potrebbe interessarti leggere anche: “Conto corrente online: come scegliere il migliore” / “Prestiti per protestati

Alternative ai conti correnti a protestati

Per aggirare la difficoltà di aprire un conto corrente, di seguito ti segnaliamo alcune valide alternative che vengono concesse più facilmente anche a chi è protestato, come per esempio le carte di credito senza conto corrente.

Potresti provare a richiedere le carte di credito ricaricabili e le carte conto prepagate. Le carte ricaricabili, funzionando solo se caricherai tu stesso il denaro che vuoi spendere, vengono concesse da banche e finanziarie senza bisogno di alcuna garanzia ulteriore e senza bisogno di fare controlli sulla posizione creditizia e finanziaria del richiedente. Le carte conto prepagate, invece, rappresentano una soluzione più simile a quella di un vero e proprio conto corrente in quanto sono fornite anche di codice iban.

La prima tipologia di carte può essere usata solo per effettuare pagamenti sia online che offline o per prelevare contanti. Le seconde, invece, oltre a queste funzioni base, permettono anche di accreditarvi lo stipendio o la pensione ed effettuare bonifici.