Prestiti Cattivi Pagatori

Come trovare prestiti per cattivi pagatori senza garante

Chiunque abbia richiesto un prestito e, per qualsiasi motivo, non sia riuscito a saldare in parte o del tutto il debito, avrà sicuramente uno storico creditizio negativo. Le conseguenze di questo fatto possono portare ad avere molte difficoltà nell’ottenere un nuovo prestito. Questo avviene perché tutte le banche e società finanziarie effettuano dei controlli sul richiedente prima di emettere liquidità e, nel caso in cui ci siano elementi negativi, le probabilità di ottenere nuovo denaro si abbassano. Fortunatamente, però, non risulta impossibile, anche se è difficile. Esistono, infatti, prestiti anche per cattivi pagatori.

Ma perché chi deve erogare il prestito consulta le banche dati? Molto semplicemente perché vogliono sapere a chi andrà la somma di denaro e se il richiedente sarà in grado di saldare il nuovo debito. Chi è considerato cattivo pagatore, perché ha avuto difficoltà nel saldare un debito, sarà considerato meno affidabile.

Leggi:  Prestiti Inpdap

Per la richiesta di prestiti a cattivi pagatori non è detto che la consultazione delle banche dati vengano trattate allo stesso modo. Infatti, la consultazione di crifexperian sul pagamento di una rata con qualche giorno di ritardo, non verrà considerato ad alto rischio o paragonabile a molte rate scadute ed ancora da saldare.

Per far si che il rischio diminuisca, banche e società finanziarie posso richiedere che intervenga una seconda firma, un garante o coobbligato.

Nel caso in cui non sia possibile inserire garanzie aggiuntive come il garante, sarà sempre possibile far in modo di abbassare il rischio semplicemente diminuendo l’importo richiesto in modo che la rata da pagare rientri nel rapporto rata reddito mensile.

Leggi:  Prestiti Senza Busta Paga Postepay

Considerando che ogni istituto applica politiche di erogazione differenti, non è detto la richiesta fatta venga rifiutata da una banca e approvata da un’altra. L’aspetto molto importante a riguardo è non fare richieste simultaneamente o a distanza di pochi giorni, e se si ottiene un rifiuto è bene chiedere la lettera liberatoria e soprattutto approfondire i motivi del rifiuto.

Concludiamo con un esempio pratico, che riassume quanto detto sui prestiti per cattivi pagatori: se mi reco in banca a richiedere un prestito e la richiesta viene respinta, chiederò subito il motivo del rifiuto e contemporaneamente la lettera liberatoria attestante la NON prosecuzione del prestito. Solo dopo aver avuto la lettera, potrò recarmi presso altro istituto spiegando nel dettaglio la situazione e consegnando, insieme alla documentazione richiesta dalla banca, la lettera.

Leggi:  Prestiti Personali Senza Busta Paga

Articoli suggeriti

Prestito Vitalizio Ipotecario Prestito Vitalizio Ipotecario di cosa si tratta? Il prestito vitalizio ipotecario è una forma di finanziamento che si rivolge a persone con almeno 60...
Prestito Finalizzato Prestito Finalizzato: un finanziamento dedicato ad acquisto di beni e servizi I prestiti finalizzati sono dei finanziamenti che vengono richiesti per...
Calcolo Rata Prestito Calcolo Rata Prestito: quali dati servono? Calcolo Rata Prestito: se vuoi ottenere il calcolo della rata di un prestito, ed è valido per tutti i tipi...
Prestiti Agos Ducato Se devi affrontare delle spese impreviste o magari in progetto da tempo ma per le quali non hai mai avuto abbastanza liquidità, richiedere un finanzia...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *