Prestito con Garanzia a tutela del Credito

Il prestito con garanzia è la più comune tipologia di finanziamento. Banche e finanziarie, infatti, richiedono obbligatoriamente delle garanzie a tutela del credito che concedono ai loro clienti per evitare di trovarsi in spiacevoli situazioni di insolvenza e per far sì che tutti i debitori rimborsino i soldi dovuti. In pratica gli istituti si rifanno sugli oggetti o sulle persone che i loro clienti avanzano come garanzie, ovviamente solo ed esclusivamente nel momento in cui essi non fossero più in grado di ripagare in modo corretto e puntuale le rate mensili di rimborso che hanno sottoscritto.

Le garanzie possono essere di tipo reale o di tipo personale. Il funzionamento base è sempre lo stesso. L’unica differenza sta nel fatto che con le prime l’ente creditore si rifà su beni mobili o immobili, mentre con le seconde ci si rifà su persone terze che sono state scelte dal debitore e hanno deciso di fargli da garante.

Vediamo di capire nei dettagli quali sono le possibili garanzie e come funzionano.

Tipi di prestito con garanzia

  1. Prestiti con garanzia reddituale. La garanzia reddituale è la più importante che banche e finanziarie richiedono per decidere se concedere o no un prestito. Affinché il finanziamento venga erogato è fondamentale che il richiedente abbia un reddito fisso e dimostrabile proveniente da stipendio o da pensione.
  2. Prestiti con garante. Quella del garante, conosciuto anche col nome di fideiussore o co-obbligato, è una figura richiesta dagli istituti di credito soprattutto se l’importo da finanziare è troppo elevato e se colui che ha richiesto il prestito è riuscito ad ottenere il lavoro da poco tempo o non ha un contratto a tempo indeterminato. E’ importantissimo che, affinché il garante venga accettato dalla banca o dalla finanziaria per poter farsi carico del rimborso nel momento in cui tu non riuscissi a farlo per problemi economici, sia assunto a tempo indeterminato e non abbia mai ricevuto segnalazioni CRIF che possano aver macchiato il suo passato creditizio.
  3. Prestito con garanzia immobiliare, cioè i prestiti con garanzia casa, chiamato anche prestito con garanzia ipotecaria. Per poterne usufruire basterà accendere un’ipoteca su un immobile di proprietà sul quale l’istituto di credito possa rifarsi mettendola all’asta e ricavando una somma di denaro adeguata a ripagare il debito che si ha nei loro confronti.
  4. Prestito con garanzia automobile, valida solamente per chi sta per richiedere i prestiti auto finalizzati.
  5. Prestito su pegno, per il quale si danno dei beni di valore in cambio della liquidità richiesta. Questi beni saranno trattenuti e messi all’asta dall’istituto di credito in caso di mancato rimborso del finanziamento.

Prestito con Garanzia

Altre garanzie alternative

Quelle fino a qui elencate sono le garanzie più frequentemente richieste sia da parte degli enti creditori che da parte di chi fa richiesta di prestito, ma ce ne sono anche altre:

  1. Le cambiali dei prestiti cambializzati
  2. Il TFR proprio del prestito con garanzia TFR. In che cosa consiste? Il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) è un documento che indica a quanto ammonta lo stipendio che ogni dipendente è riuscito a mettere da parte per tutto il tempo in cui ha lavorato nella azienda e che viene principalmente utilizzato nei prestiti tramite Cessione del Quinto.
  3. Polizza assicurativa che deve essere obbligatoriamente firmata per sottoscrivere alcuni tipi di prestito e che serve a tutelare, soprattutto in caso di morte o perdita improvvisa del posto di lavoro, il creditore, il debitore e anche i suoi parenti più stretti.

Per ulteriori approfondimenti potrebbe essere interessante leggere: “Cessione del Quinto senza TFR

Chi decide quale garanzia richiedere?

Innanzitutto bisogna dire che la richiesta della garanzia non è obbligatoria per legge, ma sono solo gli istituti di credito che per tutelarsi decidono di imporla.

Le garanzie richiedibili sono scelte liberamente da banche e finanziarie, che possono decidere se accettarle o meno e quali imporre ai propri clienti. In base a cosa avviene la scelta? Sono tantissimi i fattori che devono essere presi in considerazione e tra i più importanti abbiamo:

  • valutazione di tutti i possibili fattori di rischio
  • affidabilità del cliente sia da un punto di vista economico che creditizio
  • finanziamento sottoscritto
  • durata del contratto
  • importo richiesto
  • rimborso previsto