Rinnovo Cessione del Quinto

Preventivo Gratuito e Senza Impegno 

Devi solo compilare il modulo!

Coloro che hanno in corso un prestito tramite la Cessione del Quinto ed avessero necessità, per qualsiasi motivo, di nuova liquidità, hanno a disposizione diverse opzioni. Una di queste è il rinnovo Cessione del Quinto ovvero la rinegoziazione della detrazione già presente in busta paga o sulla pensione.

Si tratta appunto di una soluzione che permette di rinnovare il prestito in corso estinguendolo a favore di uno nuovo, così da poter avere nuova liquidità disponibile.

Rinnovo Cessione del Quinto: tempi e vantaggi

Può effettuare la richiesta chiunque abbia già in corso un prestito tramite Cessione del Quinto, quindi tutti i dipendenti pubblici, i dipendenti privati e i pensionati INPS.

In cosa consiste la richiesta? In pratica si richiede una nuova Cessione e parte dell’importo ottenuto viene destinato all’estinzione del precedente debito e la restante parte è liquidità aggiuntiva.

Per saperne di più leggi anche: Estinzione anticipata Cessione del Quinto

Da valutare attentamente è la reale convenienza economica derivante dal rinnovare la Cessione del Quinto perché non tutti i costi legati al finanziamento rientrano nel conteggio estintivo, cioè l’importo totale ancora dovuto per la Cessione in corso (costituito da interessi, spese di istruttoria e di intermediazione). Di questi solitamente si recupera solamente la parte di interessi non goduta, mentre tutti i restanti costi sono a carico del cliente.

Altro costo della Cessione del Quinto è quello assicurativo. In questo caso è importante precisare che è richiedibile il rimborso anche del premio assicurativo non goduto. Fatta l’analisi sui costi è possibile decidere se l’operazione è conveniente o meno.

Come funziona?

La normativa riguardo il rinnovo Cessione del Quinto dello stipendio o pensione è chiara: è possibile rinegoziare quando si ha già rimborsato almeno il 40% del debito.

Se si ha un contratto con durata 60 mesi (5 anni), il rinnovo sarà disponibile solo a partire dal 24esimo mese (dopo 2 anni). Bisogna però precisare che per i prestiti con durata iniziale uguale o inferiore ai 5 anni (60 mesi) è possibile rinnovare il quinto anche prima di aver saldato il 40% del debito, a patto che ci sia un rinnovo Cessione del Quinto decennale, quindi la durata del nuovo quinto sia con durata 10 anni, ovvero 120 mesi.

A tal proposito leggi anche: Rinegoziazione Cessione del Quinto

Rinnovo Cessione del Quinto 1

Esempio rinegoziazione Cessione del Quinto

Facciamo una simulazione rinnovo Cessione del Quinto per spiegare meglio come funziona e cosa succede.

Hai una Cessione di 1/5 con rata mensile di € 200 con residuo di 30 rate? Considerando il recupero dei costi non goduti si potrebbe avere un conteggio estintivo di circa 4.500 euro.
Procedendo con una nuova operazione dove c’è un netto erogato di 10.000 euro, si avrebbe la possibilità di ottenere nuova liquidità per euro 5.500 (importo calcolato sottraendo ai 10.000 euro i 4.500 di conteggio).

Ecco alcuni esempi sulle tempistiche del rinnovo:

  • Cessione di 36 mesi – rinnovo dopo 15  rate pagate
  • Cessione di 48 mesi – rinnovo dopo 19 rate pagate
  • Cessione di 60 mesi – rinnovo dopo 24 rate pagate
  • Cessione di 72 mesi – rinnovo dopo 29 rate pagate
  • Cessione di 84 mesi – rinnovo dopo 34 rate pagate
  • Cessione di 96 mesi – rinnovo dopo 39 rate pagate
  • Cessione di 108 mesi – rinnovo dopo 44 rate pagate
  • Cessione di 120 mesi – rinnovo dopo 48 rate pagate

Per avere un’idea del costo totale del prestito leggi: Simulazione Cessione del Quinto

Conviene rinegoziare la Cessione del Quinto?

Grazie al rinnovo Cessione del Quinto, l’utente può ottenere due benefici significativi:

  1. Usufruire di una percentuale di interessi più bassa rispetto a quella pattuita nella Cessione del Quinto in corso. Infatti chi deciderà di rinnovare la sua pratica beneficerà di un tasso di interesse più vantaggioso.
  2. Riscuotere nuova liquidità senza aumentare il valore della rata che si era pattuita precedentemente. Infatti la nuova rata andrà a sostituire quella precedente e rimarrà uguale o leggermente più alta di pochi euro.

Potrebbe interessarti leggere anche: Requisiti Cessione del Quinto

Novità del 2022 sulle tempistiche

La Banca d’Italia ha sottolineato quella che è la normativa vigente in merito al rinnovo della Cessione del Quinto, ovvero che la si può ottenere solo dopo essere trascorsi almeno i primi 2/5 del piano di ammortamento, ovvero il 40% del prestito.
A tal proposito leggi anche: Cessione del Quinto normativa
Questa regola è fissa e tassativa nel caso di dilazioni superiori ai 60 mesi (5 anni) e fino a 120 mesi (10 anni). Di conseguenza se hai stipulato un contratto di finanziamento con una dilazione dei pagamenti per la durata massima, ovvero 120 mesi, non potrai chiedere il rinnovo Cessione del Quinto se non sono trascorsi 4 anni (48 rate).
Tuttavia esistono delle eccezioni riguardo gli ammortamenti pari o inferiori ai 60 mesi (5 anni) che ti consentiranno di chiedere il rinnovo Cessione del Quinto prima che avvenga la scadenza del piano di ammortamento. Tali eccezioni riguardano:
– il caso in cui il nuovo finanziamento Cessione del Quinto abbia una durata di 120 mesi (10 anni)
– il caso in cui il finanziamento Cessione del Quinto di 120 mesi debba essere stipulato per la prima volta dal cliente.

Come effettuare il calcolo rinnovo Cessione del Quinto

Vuoi sapere quando potrai rinnovare la Cessione del Quinto? Per semplificare il calcolo abbiamo messo a tua disposizione un tool da compilare. Sono pochi i campi da completare per ottenere subito il risultato:

  • la durata iniziale del prestito
  • le rate che sono state pagate

Richiedi gratuitamente un preventivo Cessione del Quinto