Finanziamenti Senza Conto Corrente

Preventivo Gratuito e Senza Impegno 

Devi solo compilare il modulo!

I finanziamenti senza conto corrente sono la soluzione perfetta per chi ha bisogno di richiedere liquidità ma non ha intenzione di aprire un conto corrente presso un istituto di credito. Diversamente da quanto accadeva fino a qualche anno fa, infatti, sono molte le banche e le finanziarie che oggi permettono ai loro clienti di avere accesso al mondo del credito pur senza avere un conto corrente attivo non solo presso l’istituto stesso ma addirittura in generale.

Ma come si fa per ottenere questi tipi di finanziamenti? A chi ci si può rivolgere?

Viene concesso un prestito senza conto corrente?

A partire dal 2012 tutti coloro che desiderano ottenere un prestito hanno la possibilità di ottenerlo anche se non vogliono spostare il proprio conto corrente presso l’istituto di credito al quale si sono rivolti per il finanziamento o se addirittura non sono proprio interessati ad aprirne uno. Prima di questo periodo storico tutto ciò era impensabile: per avere accesso al credito era obbligatorio avere un conto corrente attivo presso lo stesso ente creditore che concedeva il finanziamento e non poteva essere diversamente, pena un prestito rifiutato come risposta.

Questa decisione è stata presa proprio con l’intento di permettere a tutti i clienti di rivolgersi alla banca o alla finanziaria più conveniente e che offrisse le condizioni più vantaggiose liberamente da altri fattori che avrebbero potuto influire sulla scelta. Bisogna ammettere, però, che ancora oggi avere accesso al credito senza avere un conto corrente intestato potrebbe essere in alcuni casi più difficoltoso in quanto le banche continuano a rendere più semplice e veloce l’accesso ai finanziamenti per coloro che risultano loro correntisti già da tempo o che almeno si dichiarano disposti a spostare il loro conto corrente.

A tal proposito leggi anche: Prestiti convenienti / Prestiti veloci

Finanziamenti senza conto corrente

Potrebbe interessarti leggere anche: Conto corrente online: come scegliere il migliore / Conto corrente zero spese / Conto corrente per protestati

Prestiti senza conto corrente: soluzioni disponibili

Ci sono comunque buone possibilità di trovare banche che concedono prestiti personali senza conto corrente. Sono tanti infatti gli istituti di credito che mettono a disposizione dei loro clienti questo servizio. Tra quelli più affidabili rientrano:

  1. Intesa San Paolo (prestito Intesa San Paolo)
  2. Santander (Santander prestiti personali)
  3. Mediolanum (prestiti Mediolanum)

In alternativa può essere più semplice richiedere un prestito alle finanziarie. Queste, infatti, non hanno tra i loro servizi quello dell’apertura del conto corrente e quindi offrono finanziamenti senza porsi il problema di dove il cliente risulti correntista. Per l’accredito della liquidità le finanziarie richiedono solo un IBAN.

Un’altra opzione valida è quella del prestito finalizzato, un finanziamento che può essere usato solo per alcune determinate spese previo accordo con l’istituto di credito ma che permette di non preoccuparsi della questione del conto corrente. La liquidità richiesta in questi casi, infatti, non viene accreditata al cliente ma girata per intero all’esercente presso il quale si fa l’acquisto.

A tal proposito leggi anche: Prestiti auto / Prestito casa

Infine, un’ultima possibilità è quella di richiedere un prestito tramite carte prepagate ricaricabili. Queste carte, infatti, vengono concesse a chiunque abbia un IBAN da associarvi e non importa a quale istituto di credito siano appoggiate. Tra le migliori carte prepagate ricaricabili ci sono:

  1. Genius Card proposta da Unicredit
  2. Carta Findomestic Pay
  3. PostePay di Poste Italiane (che eroga anche vantaggiosi prestiti postali senza conto corrente)

A tal proposito leggi anche: Carta Aura FindomesticPrestiti Senza Busta Paga PostePay Evolution

Finanziamento senza conto corrente con accredito in contanti

Spesso si considera una buona alternativa al prestito personale senza conto corrente anche quella di ricevere l’importo richiesto in contanti. Tuttavia, bisogna ricordare che l’accredito in contanti ha un limite fissato a massimo 1.000 euro. Per questioni di anti-riciclaggio, somme di denaro superiori a questa soglia non possono essere erogate in contanti.