Prestito Senza Busta Paga Poste Italiane

Sempre più spesso tantissime persone hanno bisogno di ricorrere ad un prestito per ottenere la liquidità necessaria a fare le spese che si sono prefissati di fare o che sono toccate loro inaspettatamente. Ma ottenere questa liquidità, come è risaputo, potrebbe essere un problema se non si è in possesso di una busta paga fissa. Cosa fare allora? Fortunatamente ci pensano le Poste a concedere un prestito senza busta paga Poste Italiane anche a tutti coloro che, purtroppo, data la situazione lavorativa che stiamo affrontano, si trovano nella condizione di dover accettare contratti di lavoro non ottimali.

A chi si rivolgono Prestiti Poste Italiane senza busta paga?

A differenza dei tradizionali prestiti senza busta paga che, grazie al fatto di basarsi su delle garanzie alternative, vengono erogati a chi non ha per nulla una forma di entrata fissa, i prestiti senza busta paga Poste Italiane sono pensati appositamente per rivolgersi a tutti coloro che possono sostituire il reddito da busta paga con un’altra forma di entrata mensile che può comunque essere dimostrata tramite dei documenti ben precisi.

Attenzione perché questo significa che per poter essere ottenuti bisogna comunque avere un reddito! Chi può fare richiesta di un finanziamento Poste Italiane senza busta paga allora?

  • lavoratori con contratto a progetto
  • liberi professionisti
  • lavoratori con contratto di collaborazione
  • lavoratori autonomi
  • lavoratori stagionali

L’erogazione dei Poste Italiane prestiti senza busta paga è molto semplice sia per quanto riguarda l’iter burocratico di richiesta che per quanto riguarda gli accertamenti che le Poste fanno per valutare chi è idoneo o meno a ricevere il finanziamento.

Per ulteriori approfondimenti leggi anche: Prestiti Poste Italiane / Prestito con PostePay Evolution senza busta paga

Prestito postale senza busta paga: importo ottenibile

I prestiti senza busta paga di Poste Italiane sono dei prestiti personali piccoli e, proprio per questo motivo, anche veloci da ottenere che vengono erogati esclusivamente ai possessori di una PostePay (anche Evolution) o agli intestatari di un conto corrente postale BancoPosta.

L’importo ottenibile viene deciso direttamente quando si stipula il contratto e si potrà scegliere tra tre importi finanziabili:

  1. 750 euro
  2. 1000 euro
  3. 1500 euro

Gli interessi che matureranno nel corso del tempo dipendono dalla durata del piano di ammortamento: più questo sarà diradato nel corso dei mesi più i tassi di TAN e TAEG saranno elevati, come dimostra bene la seguente tabella verranno calcolati sulla base del piano di ammortamento prescelto.

Capitale emesso Tempo di Restituzione Rimborso Totale Dovuto Interessi Maturati
750€ 15 mesi 834€ 84€
1000€ 20 mesi 1136€ 136€
1500€ 24 mesi 1732€ 232€

Per quanto riguarda il rimborso delle rate mensili che dovranno essere ripagate, si potrà scegliere se rimborsare la cifra tramite un accredito automatico sul conto corrente bancario o postale o sulla carta PostePay o se rimborsare pagando i bollettini postali direttamente in una delle filiali Poste Italiane.

Prestiti postali senza busta paga: erogazione tramite carta PostePay

Il metodo più frequente con la quale viene richiesto il prestito Poste Italiane senza busta paga è attivando una carta PostePay. Si tratta di una carta prepagata che si attiva pagando un canone mensile fisso. Tale canone dipende dalla cifra che viene richiesta in prestito e ammonta a:

  1. 4,50€/mese per i prestiti con durata 15 mesi
  2. 6€/mese per i finanziamenti che durano 20 mesi
  3. 9€/mese se si vuole ottenere un prestito da 24 mensilità

A questa cifra, va aggiunto il costo di due bolli obbligatori, uno che va calcolato una tantum del valore di 1,81€ e uno da imporre sulla prima rata del valore di 14,62€ fissi. La carta PostePay può essere richiesta sia dai cittadini italiani che dai cittadini stranieri semplicemente presentando allo sportello di una filiale Poste Italiane l’apposito modulo.

Prestito senza busta paga Poste Italiane

Documenti necessari per i prestiti Poste senza busta paga

Nel momento in cui ci si appresta ad avanzare la propria domanda per i Poste Italiane prestiti personali senza busta paga, bisognerà presentare dei documenti ben precisi.

I cittadini italiani dovranno mostrare il proprio documento d’identità in corso di validità e il proprio codice fiscale; i cittadini stranieri, invece, dovranno mostrare il passaporto, il permesso di soggiorno e il contratto di lavoro da almeno 12 mesi presso lo stesso datore.

Come avviene per tutti i prestiti personali, anche il prestito Poste senza busta paga viene erogato solamente a chi rispetta i seguenti requisiti:

  • età compresa tra i 18 e i 70 anni
  • essere intestatario di una PostePay o di un conto BancoPosta
  • avere una comprovata affidabilità creditizia
  • avere un buon passato finanziario

Per quanto riguarda quest’ultimo punto, possiamo affermare tranquillamente che tutti coloro che in passato hanno ricevuto una segnalazione al CRIF e sono stati registrati tra i cattivi pagatori, i protestati o i segnalati faranno molta fatica a vedersi concedere un prestito Poste senza busta paga.